Bio

Niccolò Storai,
vive e lavora a Prato dove svolge le attività di autore di fumetti e di cartoni animati.
Ha pubblicato per NicolaPesceEditore, Tunué, Double Shot.
Storie sue sono apparse sulle riviste Heavy Metal (U.S.A), FornoMagazine(Israele), SlowFood,
Mono, Up.
Ha curato i volumi Killers e Lucio Fulci-Tributo al poeta del Macabro, quest' ultimo assieme a Claudio Calia e Massimo Perissinotto.
Ha collaborato con le antologie Monstars(npe) e SherwoodComix, quest' ultima su testi di Francesco Matteuzzi.
Collabora in qualità di colorista alla serie “Il Giornalino della Jungla” di Roberto Totaro, pubblicata regolarmente sulla rivista per ragazzi “Il Giornalino”.
Per gli editori Masso delle Fate e Piano B ha prodotto le illustrazioni per due libri per l' infanzia,
L ' imbuto di Latta” e “ C' era una volta un Mercante” rispettivamente di Paolo Seganti e Margherita Romagnoli.
Ha pubblicato per Tunué “Quartieri” romanzo grafico scritto da Andrea LaProvitera
Collabora con il Centro per L' Arte Contemporanea “Luigi Pecci” di Prato con laboratori di disegno, illustrazione e fumetto per bambini.
Per l' editore Rizzoli-Lizard ha pubblicato “ Li Romani In Russia” adattamento di un testo teatrale di Elia Marcelli portato in scena da Simone Cristicchi per la regia di Alessandro Benvenuti.
Ha realizzato un illustrazione a corredo di un racconto di H.P. Lovercraft per il volume edito da DagonPress dal titolo Lovercraft Black&White.
Per l' editore torinese Vittorio Pavesio ha pubblicato una storia di 10 pagine su testi di Francesca Mengozzi nel volume collettivo Kill The Granny Comedy Collection.
Per l' editore Kappa Lab ha pubblicato, su testi di Andrea Laprovitera, il volume "Che notte quella notte" Fred Buscaglione una vita swing.
Ha illustrato l' opera " Pierino e il Lupo" portata in scena dalla Camerata Strumentale Città di Prato, in tale occasione ha realizzato una serie di illustrazioni che sono state proiettate duranti i concerti tenuti presso il teatro Politeama di Prato.
Conduce laboratori didattici di sua creazione rivolti a studenti delle scuole elementari, medie e superiori in molte sedi come; musei, ludoteche, scuole, negozi di belle arti, spazi culturali polivalenti.